Categoria: Primo Piano

L’ABUSO……IL CONDONO……E L’ILLEGALITA’ DIFFUSA…….

Ciò non toglie che sempre di illegalità si tratta, sia pure distinguendo fra piccoli abusi e palazzi costruiti coprendo i fiumi e manomettendo il territorio, addossando palazzi a palazzi, spesso senza le infrastrutture di servizio.Nel sud interi condomini sono stati costruiti all’insegna dell’abuso.
Accade ora che non solo i grandi abusi ma anche i piccoli debbono fare i conti con i requisiti richiesti per accedere al superbonus e poiché si configura una sorta di abuso di massa ecco che si muove la politica, sempre in cerca di consensi elettorali, che chiede il condono degli abusi commessi per poter attuare anche al sud l’efficientamento energetico e la tutela dell’ambiente. ( Nella foto un “mostro” edilizio )

COME FA IL GOVERNO A COLORARE DI ARANCIONE IL DISASTRO IN CALABRIA ?

Negli ospedali non c’è più posto, i pazienti Covid vengono dirottati in altre regioni, alcuni muoiono nelle ambulanze, molti altri, soprattutto anziani, muoiono a casa senza neppure la grazia di un tampone, senza una visita medica.I numeri ufficiali sono diventati, in queste ultime settimane, sempre più preoccupanti: circa 13.000 casi attivi attualmente, 600 nuovi contagi al giorno e 10 morti quasi quotidiani (solo all’Ospedale dell’Annunziata di Cosenza 82 in un mese), con un indice di positività del 14%, più del triplo di quello nazionale che è del 4,4%.Noi meridionali e calabresi temevamo che questa pandemia potesse espandersi e incrudelirsi anche al Sud perché sapevamo che le nostre strutture sanitarie sono in condizioni disastrose e che i nostri sanitari sono pochi e impreparati alla bisogna, ma niente è stato fatto per rafforzare strutture e personale medico. ( Nella foto il presidente della giunta regionale f.f. Domenico Spirlì )

AL DISASTRO SANITARIO SI RISPONDE CON LA BORBONICA “AMMUINA”……

Messo di fronte allo scenario incontestabile delle condizioni in cui versano ospedali e centri di vaccinazioni, ha ritenuto di effettuare delle nomine ai vertici delle ASP seguendo un criterio di rotazione o di alternanza, cioè muovendo i manager da una provincia all’altra , non si comprende con quali obiettivi. Se sono bravi e competenti andavano,almeno per il momento, lasciati a operare sul campo dove erano. Se non sono bravi e competenti andavano destinati ad altre incombenze in modo da non continuare a fare danni.
L’operazione del commissario Longo, purtroppo, somiglia alla famosa “ammuina” di borbonica memoria quando a Napoli…
(Nella foto il super-commissario Guido Longo)

SANITA’:OLIVERIO SI INVENTA UN COMPLOTTO E FA LA VITTIMA….

L’avvocato Paolini non si limita ad indicare i responsabili sulla base di una valutazione disgiunta da riscontri concreti ma offre ampia documentazione a supporto della sua accusa.Si tratta delle richieste e delle segnalazioni che l’AIOP negli anni ha formalizzato alla Regione ed ai commissari ad ACTA ,offrendo soluzioni, tecnologie, strutture d’avanguardia al fine di contenere ed abbassare il flusso dei calabresi che vanno a curarsi al nord.
Paolini cita in particolare il caso di quel laboratorio a conduzione privata che offre alla Regione una sofisticatissima quanto costosissima tecnologia per l’individuazione sul nascere di patologie tumorali. Il costo per la Regione, se effettua la convenzione con il laboratorio, si riduce alla metà di quanto paga per le stesse analisi fatte al nord. La risposta è che non ce n’è bisogno mentre i calabresi continuano a emigrare.

SANITA’ – Facciamo i nomi dei responsabili del disastro

Non ho prove per dire che dietro a questo ci sia il malaffare ma certo c’è negligenza e indifferenza, anzi disprezzo per i cittadini calabresi e per le risorse pubbliche.
E questa gravissima responsabilità ha nomi e cognomi ed io li conosco: Mario Oliverio, Massimo Scura, Saverio Cotticelli, Francesco Bevere, Guido Longo, Giacomino Brancati, e tanti che occupano le stanze di Palazzo Santelli e resistono all’insegna del “cosa-mi-importa-tanto-non-sono-soldi-miei”.-
(Nella foto Enzo Paolini Presidente AIOP)

LETTERA APERTA AL NUOVO SEGRETARIO DEL PD, ENRICO LETTA – “BASTA CON IL PARTITO DEL POTERE E DELLE ZTL!” PER UN “DEM NEW DEAL”. A PARTIRE DAL SUD.

Ha perfettamente ragione, Segretario: BASTA! E rilancio: inizi dalla Calabria! Dove il potere di certi “rais” locali ha desertificato i partiti, azzerato dignità e diritti delle persone, annullato la partecipazione democratica e compromesso la fiducia dei calabresi nei partiti e nelle istituzioni. Non glielo chiedo io, ma l’elettorato progressista calabrese che li ha già bocciati alle urne e respinti con un astensionismo record alle ultime elezioni regionali: non li vuole più nessuno, non li vota (né li voterebbe) più nessuno.

Anna Falcone
Calabrese libera

BUCO NERO DI MILIARDI IN SANITA’ : AZZERAMENTO O AMNISTIA ?

Alla richiesta di azzeramento del debito avanzata da Spirlì si sono associati alcuni sindaci e anche Nicola Irto, già presidente del consiglio regionale e designato dal PD a guidare la coalizione di centrosinistra alle elezioni di settembre. Sarebbe il caso di chiedere a Irto di quali iniziative si è fatto promotore quando era presidente del consiglio regionale per fare luce sulla spesa sanitaria. Irto dovrebbe spiegare perché  con l’azzeramento si dovrebbe“amnistiare” malaffare, imbrogli e ruberie di colletti bianchi in combutta con infiltrazioni mafiose come dimostra l’operazione portata a termine dalla magistratura a Reggio dove l’ASP è risultata fortemente condizionata da entità criminali.

MAFIA E POVERTA’ IN CALABRIA….

Questo è il momento  soprattutto come cristiani, di impegnarsi di più, di andare oltre, di boicottare tutte le attività commerciali mafiose o pseudo tali, di stare vicino a chi ha bisogno, di denunciare scegliendo bene anche a chi rivolgersi. Sappiano che un investigatore non vale l’altro,Bisogna andare a denunciare da chi ha dimostrato sul campo di aver lottato e di lottare le mafie non a parole ma con i fatti, con la determinazione e con il sacrificio che richiede questa battaglia…
(Nicola Gratteri su Famiglia Cristiana)

UNA NUOVA PROPOSTA POLITICA

Il Movimento 10 Idee per la Calabria si era fatto promotore di un appello rivolto alle forze
civiche ed ai partiti delle due componenti, PD e Compagine civica, al fine di trovare una
sintesi ed un accordo per far nascere un progetto unitario. Un progetto a forte attrattiva
anche per ampie fasce di popolazione rassegnata (alle ultime elezioni, di Gennaio 2020, si è
astenuto ben il 56% dell’elettorato). Avevamo proposto una soluzione politica fondata su un
Programma di governo essenziale e condiviso, e di individuare assieme il leader di coalizione.
Avevamo proposto quale Leader della coalizione, una donna calabrese di
riconosciuto prestigio come Anna Falcone. Il susseguirsi degli eventi, l’imminente scadenza
elettorale programmata per l’11 Aprile, troppo ravvicinata, avevano indotto il Movimento ad
un’ulteriore riflessione politica.

CALABRIA SAUDITA: SE IL PO SFOCIA A REGGIO L’ARNO A GIOIA TAURO E IL TICINO CATANZARO…

Negli anni 70/80, più o meno, si discuteva in consiglio regionale  dell’assetto idrogeologico della Calabria e della necessità di regimentare le acque e i fiumi. La relazione si stava svolgendo senza intoppi e si stava affrontando  la portata del fiume  Petrace che bagna Gioia Tauro. Non c’era molta attenzione come accade quando si tratta di cose serie ma a qualcuno, come oggi a Bevacqua, non è sfuggita la citazione dell’Arno che difficilmente da Firenze può riversarsi nel Petrace e fu la prima figuraccia del livello politico e burocratico.