); ga('send', 'pageview');
Thu, 15 Nov 2018

Articoli Recenti

  • AL MINISTRO TRIA PURTROPPO NON L’AIUTA LE PHISIQUE DU ROLE….

    ico.

    Nei giorni e nelle settimane seguenti, nell’andarivieni di Tria da Bruxelles,le immagini televisive offrono una figura leggermente incurvata, la borsa sempre in mano, grisaglia ministeriale leggermente dimessa, una espressione di rassegnazione e di fatalismo che fa il resto. Tutti elementi non riconducibili a un combattente di prima linea sul fronte del rapporto deficit-pil. ( Nella foto il ministro Giovanni Tria )


  •  CALLIPO SCEGLIE OCCHIUTO E GLI OLIGARCHI DEL PD……

    Gianluca Callipo è tornato a fare il sindaco di Pizzo là dove un qualunque capotribù della Patagonia, al posto di Oliverio,gli avrebbe offerto un incarico di prestigio  per dare visibilità politica al quel 40 per cento di consensi e per onorare un risultato di cui non si poteva non tenere conto. Invece si diede vita ad una giunta di potere e di clientele che, arrancando, fra annunci e inadeguatezze, è arrivata ai giorni nostri. (Nella foto :Gianluca Callipo )


  • BENI ECCLESIASTICI_I RADICALI :”AVEVAMO RAGIONE NOI “….

    Esplose la polemica e tutti i politici genuflessi all’influenza elettorale vescovile reagirono a difesa del privilegio della curia di sottrarsi al pagamento dell’imposta . Paolini fornì un elenco dei beni ecclesiastici sui quali interrogava il sindaco Occhiuto e comunque non era la curia che doveva spiegare ma il sindaco a motivare in base a quali interpretazioni normative esentava la curia dai tributi dovuti.( Nella foto:Enzo Paolini )


  • CI RISIAMO:A MILANO NON SI FITTA AI TERRONI……

    Ma attenzione,il problema non è quello di chi non fitta ai meridionali ma di chi sta lavorando sapientemente ad una secessione strisciante del nord dal resto del Paese.Altro che “terroni”, seppure espressione storica di quella Magna Graecia figlia dell’Ellade che ha civilizzato il mondo. L’operazione passa per quella richiesta di “autonomia” fiscale avanzata dalle regioni a guida leghista che ha come obiettivo quello di mantenere , a supporto della propria economia, il gettito fiscale prodotto dalla propria regione……


  • MA I NUOVI OSPEDALI DOVE SONO INSABBIATI ??????

    Il livello politico, a prescindere dal colore politico, per realizzare un servizio sanitario di qualità in Calabria, ha formalmente deliberato e stanziato le risorse per la realizzazione di quattro nuovi ospedali a Goia Tauro,Vibo Valentia,Catanzaro e Rossano-Corigliano. In tempi più recenti si è deciso  per un nuovo ospedale anche a Cosenza.

    Sta di fatto,però, che mancano notizie circa i tempi di realizzazione e lo stato dei lavori là dove cantierizzati. Non sanno nulla i calabresi ma, a quanto pare, anche i consiglieri regionali non vengono informati se Orlandino Greco,consigliere  di maggioranza, è dovuto ricorrere ad una interrogazione per conoscere dai dirigenti di settore “ quale sia lo stato di avanzamento dei lavori “ dei quattro ospedali atteso il disagio che vivono intere comunità rimaste prive di strutture ospedaliere e a grande distanza dalle strutture più vicine……….


  • REGIONALI 2019-GUCCIONE COLPISCE ANCORA… 

    Nel frattempo c’è chi, dopo dopo giorno, con una costanza degna di miglior causa,cura il report di  tutte le inadempienze e de i mancati obiettivi della sua azione di governo.

    E’ Carlo Guccione,oggi consigliere regionale del PD ma, al debutto della prima giunta, assessore al Lavoro, dimissionato da Oliverio-senza preavviso-a margine della vicenda “rimborsopoli” dove per altro Guccione era rimasto coinvolto per l’acquisto di un computer o qualcosa di simile. Un abuso risibile…..



  • La secessione del Nord

    Care e cari,
    questo non è il solito appello.Certo potete incominciare a firmarlo, ma soprattutto lo dovete diffondere, sia on line, sia stampandolo e affiggendolo dove potete. L’ha scritto Tonino Perna e dunque lui è il primo firmatario, seguito da me, da, Battista Sangineto che ha provveduto all’illustrazione e da Enzo Paolini. Io poi lo manderò al Manifesto, ma vi prego di considerare che questa deve essere una forma diversa di lotta. Non dobbiamo limitarci al tavolino su cui poggia il nostro PC, dobbiamo incontrare le persone e uscire per strada.La partita è troppo grave per l’avvenire del nostro Paese.
    Buon lavoro e cari saluti
    Piero Bevilacqua