Categoria: la redazione

PERDETE OGNI SPERANZA, ROSICONI…IL GOVERNO GIALLOVERDE DURERA’ ANCORA MOLTO A LUNGO….

E allora, perdete ogni speranza, rosiconi. Dopo il 26 maggio non succederà nulla per svariate ragioni. Oggi i cinquestelle, ad esempio, duellano e litigano con l’alleato di governo Matteo Salvini. Ma le truppe di Di Maio sanno benissimo che se si tornasse al voto la delegazione parlamentare sarebbe quantomeno ridimensionata, se non addirittura dimezzata. Eppoi, ca va sans dire, per il vicepremier Di Maio si tratta dell’ultima chances. Da qui ad allora facile pensare che il patto di potere con il leader del Carroccio supererà qualsiasi ostacolo e anche i litigi degli ultimi giorni. ( L’inkiesta 16-5-2019 )

LA CGIL A OLIVERIO: O FAI QUALCOSA O PASSA LA MANO…

“E’ evidente-osserva Sposato-che ormai c’è uno scollamento fra i problemi reali della Calabria e gli interessi della politica che non sembra avere più idee.”Sposato non lo dice esplicitamente ma lascia intendere che i politici ormai sono presi dalla scadenza elettorale che rende incerto per molti il ritorno in consiglio regionale.Rimane comunque il giudizio implicito che dà dell’operato di Oliverio, per altro stigmatizzato in più occasioni ed ora consegnato all’opinione pubblica anche per prendere le distanze da una gestione fallimentare  che è tutta nella responsabilità e nella inadeguatezza della politica, per come rappresentata e interpretata. (Nella foto:Angelo Sposato )

NEL PRINCIPATO DI RENDE SI TORNA A VOTARE….  (1)

E’ con Sandro Principe che Rende compie il salto non solo urbanistico , dotandosi di funzioni  che il capoluogo non ha, come l’area industriale, ma soprattutto legando la città con tutte le sue funzioni  all’ università. Senza diventare città universitaria in senso stretto, Rende si arricchisce di una presenza studentesca e accademica di cui non si è sempre compreso il valore aggiunto all’immagine della città. ( Nella foto:il castello di Rende )

ED E’ SEMPRE SANITA’….LA MINISTRA PREPARA UN DECRETO…..

Non sappiamo se configura profili di responsabilitrà penale  non aver presentato bilanci dal 2013  all’ASP di Reggio  ma di sicuro nessuno ne ha chiesto conto. Se oggi il nuovo direttore generale,Belcastro,soltanto prendendo in esame un solo anno di esercizio ha scoperto che abbiamo pagato agli ospedali delle regioni del nord decine di milioni di euro per pazienti non calabresi-che quindi non avevano diritto- e per prestazioni non dovute, vuol dire che siamo ai livelli massimi di negligenza e inadempienza rispetto ai doveri di ufficio.

  PRIMARIE PD- IN CALABRIA PRIMA TUTTI BERSANIANI  POI  RENZIANI  E ORA  ZINGARETTIANI…

Quanto alle primarie calabresi, orfane di discussioni,dibattiti e confronti, è stata la solita conta da tabulato. Mario Oliverio è stato il primo a congratularsi con Zingaretti con un vaniloquio in cui postula quale dovrà essere il futuro prossimo a venire del PD e le sue sorti progressive.  Un modo maldestro di furberia paesana, in effetti, per mettere il cappello sul risultato e sminuire l’apporto di Guccione e Censore cui,invece, viene riconosciuto di avere fatto un ottimo lavoro.(Nella foto:Nicola Zingaretti )

IN CALABRIA OSPEDALI DA INCUBO

IN CALABRIA OSPEDALI DA INCUBO

Ci volevano “Le Jene” su Italia Uno per mettere a nudo in che condizioni versano gli ospedali in Calabria. Sapevamo dei drammi che si consumano quotidianamente nei pronto-soccorso degli ospedali calabresi, dell’emigrazione sanitaria negli ospedali del centro-nord con una spesa per le casse regionali di circa 350 milioni di euro ma non sapevamo che in alcuni territori la sanità calabrese è sotto il controllo o l’influenza della ‘ndrangheta. La situazione più incredibile la presenta l’ASP di Reggio dove mancano i bilanci dal 2013 ed è ricorrente  la prassi della doppia fatturazione, cioè di prestazioni pagate due volte. La legislatura che si avvia a scadenza ha di fatto ruotato intorno alla sanità e alla guerra fra Oliverio e i commissari nominati dal governo nazionale col risultato che Le Jene ci mettono sotto gli occhi con  la loro inchiesta coraggiosa .All’interno dell’articolo il video delle Jene.

GOVERNO LEGA-5STELLE : LI INSEGUIRANNO CON I FORCONI….

Perché sarà pure vero che Lega e 5Stelle ,per la diversità di obiettivi, di base sociale e posizionamento geografico, sono legati da un “contratto” da cui discende l’alleanza politica per realizzarlo ma l’anno che stiamo vivendo non diventerà bellissimo, non ci sarà la crescita, meno che mai il boom di Di Maio e a quelli che andranno in pensione con quota 100 non corrisponderanno altrettante assunzioni. Ci sarà,invece, da piangere perché bisognerà ricorrere a nuova tassazione, aumento dell’IVA e -perché no?-una “patrimoniale” che soltanto chi è ricco potrà sopportare agevolmente.

SALVINI “IL DURO” E LA SCENEGGIATA DEL VOTO ON LINE…

Da qui la sceneggiata messa in atto del “referndum interno”, espressione di democrazia diretta, dove viene chiamata la base degli iscritti a pronunciarsi on line se concedere o meno l’autorizzazione.Non si è mai saputo come funziona in concreto la piattaforma Rousseau inventata dalla Casaleggio e gestita con criteri e modalità che soltanto la Casaleggio conosce né come viene garantita la trasparenza del voto. (Nella foto:Davide Casaleggio )