); ga('send', 'pageview');
Sat, 19 Jan 2019

Articoli Recenti



  • CON I “VAFFA” NON SI GOVERNA UNA CAPITALE E MENO CHE MAI UN PAESE..

    Presto sapremo con quali criteri sono state fatte alcune nomine, a cominciare dal fratello di Marra promosso a capo dei vigili urbani e da qual tale Romeo cui è stato triplicato lo stipendio che aveva prima della Raggi e che ha invocato la storia come giudice supremo del suo talento. Se la Murano aveva rapporti stretti con i titolari delle costosissime discariche romane, Salvatore Marra era,a quanto pare,intrecciatissimo con gli immobiliaristi romani…………………….


  • BRUTTO SEGNO SE RICOMPAIONO I “FORCONI”……………..

    Tuttavia sarebbe miope non vedere nell’arresto caricaturale dei “forconi” il segno dei tempi e cioè la ricerca dello scontro frontale con la politica e con chi la rappresenta.Cavalcare i populismi, parlare alla”pancia” del Paese comporta dei rischi che è da irresponsabili sottovalutare,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,


  • UN GOVERNO PER VOTARE A GIUGNO…..SE NON PRIMA

    Se, a crisi risolta, si scrive e si afferma che la soluzione della crisi è una beffa perché Renzi è più potente di prima e tutti gli altri,in termini di maggior potere,sono stati promossi, a cominciare dalla Boschi, lo si deve al fatto che non c’erano alternative. Il PD si è ricompattato con tutte le sue correnti intorno a Renzi che ha ringraziato del sostegno ridistribuendo i ministeri secondo accordi e fedeltà.Ha lasciato fuori la sinistra interna,quella di Bersani,D’Alema e Speranza ……………………




  • RENZI RESTA IN CAMPO E VUOLE LE ELEZIONI…….

    A ben riflettere l’unico interessato ad andare subito o al più presto possibile al voto è Matteo Renzi., lo sconfitto della consultazione referendaria,il quale sa che ,se rivincita ci può essere, è incardinata a quel 41 per cento di consensi alla riforma costituzionale………………………….


  • Referendum-ATTENZIONE A QUEL 41% DI “SI”……………..

    Del resto Renzi è di fronte alla sua prima seria sconfitta se non si tiene conto delle primarie in cui fu battuto da Bersani. Come pure vanno interpretate le parole pronunciate, nell’immediatezza della sconfitta, dai suoi più stretti collaboratori e cioè l’intenzione di “ripartire” da quel 41 per cento………